Salute

Sintomi di carenza di vitamina K da tenere d’occhio

Ogni volta che ci si procura un taglio, un graffio o una ferita profonda, il meccanismo di coagulazione del sangue del corpo entra in azione. C’è un nutriente vitale che interviene per sostenere questo complesso processo. La vitamina K, sia K1 che K2, svolge un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue e aiuta anche a mantenere le ossa sane.

Sebbene la carenza di vitamina K sia rara tra gli adulti sani, alcune persone sono vulnerabili. Per esempio, le persone affette da patologie come la colite ulcerosa, la celiachia e la sindrome dell’intestino corto potrebbero non essere in grado di assorbire normalmente la vitamina K. Se si assumono antibiotici o anticoagulanti per lungo tempo o si segue una dieta rigorosa o povera, la carenza di vitamina K è più probabile. Anche i neonati sono a maggior rischio di carenza di vitamina K. Ecco alcuni segnali che possono indicare una carenza di questo importante nutriente.

Aumento di emorragie e lividi

Poiché il ruolo principale della vitamina K è la coagulazione del sangue, l’emorragia è uno dei sintomi principali di una carenza. Può verificarsi all’interno o all’esterno del corpo. All’esterno si possono notare gengive sanguinanti e frequenti epistassi. Si può anche notare che anche ferite o tagli minori sanguinano in modo eccessivo. L’emorragia cutanea può anche provocare lividi. I neonati possono trasudare sangue intorno al moncone ombelicale o presentare lividi intorno alla testa o al viso.

Sangue nel vomito

L’emorragia gastrica può talvolta provocare il vomito e la presenza di sangue nel vomito.

Sanguinamento mestruale abbondante

Le donne con una carenza di vitamina K possono avere un forte sanguinamento mestruale. Se le mestruazioni durano più di una settimana o se è necessario cambiare l’assorbente o il tampone dopo meno di un paio d’ore, sono considerate eccessive. È motivo di preoccupazione anche la presenza di coaguli di sangue grandi come un quarto di dollaro o più. Un forte sanguinamento mestruale può anche portare all’anemia e causare sintomi come debolezza e stanchezza.

Sangue nelle feci e nelle urine

La presenza di sangue nelle feci o nelle urine è un’altra indicazione di una carenza di vitamina K. Si può notare la presenza di sangue nelle feci o di macchie sulla carta igienica. A volte le feci possono apparire catramose. Nel frattempo, il sangue nelle urine può farle diventare rosse, rosa o marrone scuro. Molte altre condizioni possono essere responsabili della presenza di sangue nelle feci o nelle urine, quindi è bene consultare un medico per capire quale sia la causa.

Sonnolenza e vomito nei bambini

Nei casi più gravi, una carenza di vitamina K può provocare emorragie intorno o nel cervello dei bambini. Questo potrebbe renderli molto nervosi o eccessivamente sonnolenti. Nei bambini con carenza di vitamina K si possono verificare vomito e persino convulsioni.

Ossa deboli

Oltre a queste, anche diverse condizioni mediche sono associate a bassi livelli di vitamina K e i loro segnali possono essere un campanello d’allarme. La vitamina K è coinvolta nella costruzione delle ossa e bassi livelli di questo importante nutriente sono stati associati a una scarsa densità ossea. In effetti, le ricerche dimostrano che un maggiore apporto di vitamina K è legato a un minor rischio di frattura dell’anca. Gli esperti suggeriscono che una carenza di questa vitamina può ridurre la mineralizzazione delle ossa e contribuire all’osteoporosi. Alcuni indizi di osteoporosi sono il mal di schiena, la perdita di altezza, la posizione china e le fratture che si verificano troppo facilmente.

Dolore al petto e palpitazioni

Alcune ricerche indicano che una maggiore assunzione di vitamina K è associata a un minor rischio di malattie coronariche. La vitamina K può contribuire a prevenire la calcificazione dei vasi sanguigni, impedendo così che diventino stretti e rigidi. Il dolore al petto è uno dei segni più comuni di malattia coronarica. Questo dolore può essere provocato dallo stress o dall’attività fisica e può estendersi al collo, alle braccia, alla schiena, alla mascella o allo stomaco. Anche sintomi come affanno o palpitazioni possono essere indicativi di questa patologia.

Segni legati al diabete

Alcuni studi hanno anche scoperto che le persone con bassi livelli di vitamina K hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 e che un aumento dell’apporto di vitamina K può ridurre il rischio di questa condizione. Le prime ricerche indicano anche che la vitamina K può potenzialmente migliorare la resistenza all’insulina e il metabolismo del glucosio. I sintomi del diabete possono includere aumento della minzione, sensazione di sete eccessiva, stanchezza, visione offuscata e perdita di peso inaspettata. È inoltre possibile che tagli o ferite impieghino più tempo a guarire se si soffre di diabete.

Dolori e infiammazioni articolari

Un’altra patologia legata alla carenza di vitamina K è l’osteoartrite. Si pensa che il ruolo della vitamina K nella regolazione della mineralizzazione ossea possa essere dovuto a questo. L’osteoartrite provoca infiammazione e dolore alle articolazioni e può anche limitare l’ampiezza dei movimenti. Le persone affette da questa patologia possono avvertire rigidità e dolore quando non si muovono per un certo periodo e le loro articolazioni possono apparire più “gommose” del normale.