Salute

Asma in gravidanza: Cose da sapere

Se avete una storia di asma, potreste essere preoccupate di ciò che accadrà in caso di gravidanza. L’asma colpisce il 4-12% delle donne in gravidanza, causando il rigonfiamento delle vie aeree e scatenando sintomi come mancanza di respiro, tosse, oppressione toracica e respiro sibilante. Ma l’asma può intensificarsi durante la gravidanza o, peggio ancora, influenzare lo sviluppo del bambino? Ecco cosa c’è da sapere.

La gravità dell’asma in gravidanza varia da donna a donna

La gravidanza può avere effetti diversi sulle donne affette da asma. Oltre un terzo delle donne affette da questa patologia non subisce alcun cambiamento nei sintomi, mentre un altro terzo subisce un peggioramento della condizione. Meno di un terzo delle donne può riscontrare un miglioramento dei sintomi durante la gravidanza. Anche se ogni caso è diverso, è più probabile che le donne con asma grave sperimentino un peggioramento della condizione. Alcune donne possono anche notare un aumento dei sintomi con il progredire della gravidanza e l’aumento di peso. In effetti, è più probabile che si verifichi un aggravamento della condizione, se presente, tra le 24 e le 36 settimane.

Un’asma non regolata può causare gravi rischi per la salute durante la gravidanza

In che modo la gravidanza influisce sull’asma? I cambiamenti ormonali dovuti alla gravidanza possono avere un impatto su polmoni, seni paranasali e naso. Un aumento degli estrogeni può causare una congestione dei vasi sanguigni del naso, con conseguente naso chiuso. Nel frattempo, l’aumento del progesterone provoca un aumento dell’attività respiratoria e può quindi provocare una sensazione di mancanza di fiato. Sebbene questi cambiamenti tendano a interessare la maggior parte delle donne in gravidanza, le asmatiche potrebbero sentirli in modo più acuto. Possono anche aggravare altri fattori scatenanti.

Ma c’è una buona notizia. Finché l’asma viene controllata con i farmaci e monitorata attentamente, non dovrebbe causare alcun problema. Il medico sarà in grado di intensificare il trattamento in base all’andamento del paziente. Un’asma non controllata, invece, può avere implicazioni serie.

Le possibili complicazioni per la madre dovute a un’asma non controllata comprendono:

Ipertensione gestazionale o pressione alta

Preeclampsia, caratterizzata da pressione sanguigna elevata, presenza di proteine nelle urine e ritenzione idrica.

Emorragia vaginale o sanguinamento

iperemesi gravidica, caratterizzata da perdita di peso, vomito grave e squilibri elettrolitici e di liquidi.

Le possibili complicazioni dovute all’asma incontrollata per il bambino includono:

Scarsa crescita nel grembo materno o Ritardo di crescita intrauterino

nascita prematura

Basso peso alla nascita

Ossigeno insufficiente o ipossia neonatale

Nascita prematura

Continuare a usare i farmaci per l’asma sotto il controllo di un medico

La gravidanza è un periodo in cui si diffida di qualsiasi farmaco e dei suoi effetti sul bambino. Ma i farmaci per l’asma possono causare problemi? Circa il 3% delle donne in gravidanza fa uso di farmaci per l’asma, come antinfiammatori o broncodilatatori. Sebbene alcune ricerche indichino un possibile legame tra i farmaci per l’asma e un rischio maggiore di alcuni difetti congeniti, come l’atresia ano-rettale (difetto dell’ano), l’atresia esofagea (difetto del tubo alimentare) e l’omphalocele (difetto della parete addominale), i ricercatori si sono affrettati a sottolineare che potrebbe trattarsi di una scoperta casuale. Hanno anche suggerito che è possibile che l’asma stessa o i problemi di salute ad essa correlati siano responsabili del rischio più elevato piuttosto che il farmaco per l’asma.

Nel complesso, sebbene gli studi sulla sicurezza dei farmaci per l’asma durante la gravidanza siano limitati, il consenso medico è che le donne con asma possono usare i loro farmaci in modo sicuro e dovrebbero continuare a farlo. In generale, farmaci come i broncodilatatori inalatori a breve durata d’azione, i corticosteroidi inalatori come la budesonide e gli agenti antileucotrienici come il montelukast sono considerati sicuri per l’uso in gravidanza. I beta-agonisti a lunga durata d’azione e gli steroidi orali, invece, vengono presi in considerazione solo se l’asma è molto grave. È fondamentale collaborare con il medico per garantire che l’asma rimanga sotto controllo. Il medico può modificare il piano di trattamento o cambiare i farmaci in base all’andamento della gravidanza.

Adottare misure per ridurre le probabilità di un attacco d’asma

Fate il possibile per ridurre le probabilità di avere un attacco d’asma durante la gravidanza. Ecco cosa potete fare:

Evitare i fattori scatenanti. State alla larga da sostanze come il fumo di tabacco, gli acari della polvere o altre sostanze irritanti che possono scatenare un attacco. Rendete la vostra casa una zona priva di sostanze irritanti: utilizzate coperte antiallergiche per la biancheria da letto, rimuovete i tappeti che possono raccogliere le sostanze irritanti, passate regolarmente l’aspirapolvere e acquistate un filtro dell’aria con particolato ad alta efficienza e un deumidificatore per controllare la muffa.

Assumete i farmaci per l’asma prescritti dal medico per tutta la durata della gravidanza.

L’esercizio fisico moderato può essere utile, ma consultate il vostro medico prima di iniziare un programma di esercizi.

Fate il vaccino antinfluenzale perché la gravidanza e l’asma possono aumentare il rischio di complicazioni dovute all’influenza. Il vaccino antinfluenzale durante la gravidanza proteggerà anche il bambino dall’influenza per i primi mesi dopo la nascita.

Assumete alimenti antiasmatici come mele, arance e pomodori. Questi alimenti comuni possono aiutarvi ad affrontare meglio e persino a prevenire un episodio. Le mele, per esempio, fanno bene alla salute polmonare: possono ridurre l’ipersensibilità bronchiale e il rischio di asma grazie alla presenza di flavonoidi benefici. Anche le arance hanno un effetto benefico. I pomodori, invece, possono ridurre i globuli bianchi (neutrofili) che scatenano l’infiammazione delle vie respiratorie. Il composto antiossidante noto come licopene è ritenuto responsabile di questo effetto benefico.

Un attacco d’asma durante il travaglio è molto raro, quindi respirate tranquillamente

Gli attacchi d’asma sono estremamente rari durante il travaglio, soprattutto se l’asma è sotto controllo. Anche ormoni come l’adrenalina e il cortisone, prodotti dall’organismo durante il travaglio, possono aiutare a prevenire gli attacchi d’asma.

Durante la gravidanza, rivolgetevi immediatamente a un medico se

I farmaci in uso non migliorano rapidamente i sintomi o se il miglioramento non dura più come una volta.

Si hanno problemi di respirazione.

La conta dei calci fetali si riduce.