Salute

Segni e sintomi di una carenza di vitamina E

I sintomi della carenza di vitamina E si manifestano in molti modi, poiché questa vitamina antiossidante svolge una serie di ruoli per la salute, dal potenziamento della funzione immunitaria alla lotta contro i danni quotidiani dell’esposizione alle tossine. Si stima che il 90% o più delle persone non assuma abbastanza vitamina E per soddisfare i livelli di assunzione raccomandati, quindi è possibile che voi o qualcuno che conoscete abbia questo problema e che stia già mostrando i segni di una carenza.

Assumere meno di 15 mg di vitamina E al giorno può causare una carenza

Se siete adulti, dovreste consumare ogni giorno circa 15 mg di vitamina E in qualche forma. Se siete una neomamma e state ancora allattando il vostro bambino, il fabbisogno sale a 19 mg al giorno. La vitamina E può essere assunta da alimenti come noci, semi, pesce, abaloni e persino dagli oli vegetali utilizzati per cucinare. Anche alcuni tipi di frutta e verdura contengono vitamina E: la zucca, gli spinaci, l’avocado, le albicocche secche, i broccoli e i peperoni rossi, per citarne alcuni.

Che cosa succede al corpo quando non gli si fornisce la vitamina E di cui ha bisogno? Iniziano a manifestarsi sintomi come quelli elencati di seguito. Con il passare del tempo possono peggiorare, quindi è necessario consultare un medico, aumentare l’apporto di questa sostanza nutritiva con la dieta e persino ricorrere agli integratori, se consigliati da un medico.

1. Perdita di sensibilità, debolezza e dolore alle estremità

La carenza di vitamina E è legata alla neuropatia periferica, una condizione che provoca danni ai nervi di mani, piedi e braccia. Questa forma di lesione nervosa è associata a livelli inadeguati di tocoferolo, una forma di vitamina E, nei nervi periferici. I principali sintomi di questo problema legato a una carenza di vitamina E sono i seguenti:

Formicolio e/o intorpidimento di mani e piedi
Dolore lancinante o lancinante nelle parti del corpo interessate
Sensazione di bruciore nella regione interessata
Perdita di coordinazione
Sensazione di sbilanciamento o problemi di equilibrio
Debolezza muscolare, particolarmente evidente nei piedi

2. Perdita di controllo dei movimenti (AVED)

L’atassia con carenza di vitamina E, o AVED in breve, è una rara malattia ereditaria che rende difficile per l’organismo utilizzare la vitamina E che riceve da più fonti. Questa condizione può causare problemi neurologici, rendendo difficile il coordinamento e il controllo dei movimenti degli arti. Questi segni iniziano a manifestarsi in età precoce, causando problemi o difficoltà di movimento in bambini di 5 anni. Di solito si manifestano nelle persone colpite prima dei 15 anni. Con l’avanzare dell’età, i problemi di movimento possono diventare più gravi. In genere, il medico può prescrivere grandi dosi di vitamina E sotto forma di integratori per trattare il problema. Ma non rischiate l’automedicazione perché potreste ritrovarvi con una tossicità da vitamina E che può causare effetti emorragici/eccessivo sanguinamento.

3. Problemi di vista

L’atassia da carenza di vitamina E può talvolta causare problemi alla vista. In particolare, la retinite pigmentosa, un disturbo dell’occhio che può persino causare la perdita della vista. Fate attenzione ai segni e ai sintomi di questo problema:

Scarsa visione notturna o perdita della visione notturna
Macchie cieche ai lati, visione periferica compromessa
Visione a tunnel
Difficoltà a guidare, leggere, riconoscere i volti (con il passare degli anni/decenni) e a svolgere altri compiti dettagliati che dipendono dalla vista
Perdita totale della vista/diventare ciechi legali

Inoltre, se non si consuma una quantità sufficiente di vitamina E, si nega al corpo la protezione che la vitamina offre contro la degradazione del tessuto oculare sano. Questo danno tissutale è legato alla degenerazione maculare senile (AMD) e alla formazione della cataratta. Fate attenzione a questi segni di AMD:

Distorsione della forma degli oggetti
Aspetto storto/ondulato di linee rette
Perdita della capacità di vedere chiaramente gli oggetti – il declino è comunque graduale
Perdita della visione chiara dei colori
Spazio vuoto/scuro al centro della linea visiva

La cataratta, invece, può causare visione offuscata, difficoltà di lettura e problemi di abbagliamento.

4. Pelle secca e irritata

La vitamina E è ottima per la salute della pelle e non assumerne a sufficienza può far mancare alla pelle la barriera protettiva che essa forma. Non avendo nulla che impedisca la perdita di umidità, la pelle potrebbe risultare secca e irritata. Sebbene siano necessari ulteriori studi, alcune ricerche condotte su animali hanno dimostrato che una carenza di questo nutriente potrebbe causare ulcere cutanee.

5. Disturbi della memoria

La vitamina E viene studiata per il suo potenziale nelle malattie neurodegenerative come la demenza o il morbo di Alzheimer, per prevenire il declino cognitivo. I ricercatori hanno notato che la scarsa memoria e l’indebolimento delle prestazioni nei test di memoria sono sempre presenti nelle persone con bassi livelli di vitamina E nel sangue. Studi su centenari con funzioni cognitive normali, in contrasto con il tipico declino cognitivo degli anziani, hanno rivelato che la vitamina E può avere un impatto positivo sulle funzioni cerebrali. Questi anziani avevano livelli elevati di alfa-tocoferolo (una forma di vitamina E) e di vitamina A nel plasma. I ricercatori suggeriscono che la presenza di queste vitamine antiossidanti può offrire una protezione contro il declino cognitivo derivante dallo stress ossidativo.

6. Capelli secchi e fragili e aumento della perdita di capelli

La vitamina E può aumentare la circolazione del sangue verso il cuoio capelluto, nutrendolo dall’interno. Inoltre, protegge i capelli dall’ingrigimento precoce. Protegge anche le cuticole dei capelli dai danni del sole. In caso di carenza di questo nutriente, è probabile che i capelli siano secchi e fragili e che si verifichi addirittura una perdita di capelli.

7. Maggiore vulnerabilità alle infezioni

Una carenza di questa importante vitamina antiossidante potrebbe anche causare un calo del sistema immunitario, rendendoci più deboli e vulnerabili alle infezioni. Se vi accorgete di ammalarvi più spesso o di impiegare più tempo per superare un’infezione, fate controllare i livelli di vitamina E.

Nelle donne, la carenza di vitamina E può causare un aborto spontaneo

L’aborto spontaneo è una conseguenza piuttosto spiacevole della carenza di vitamina E che può colpire le gravidanze delle donne con un apporto inadeguato. I ricercatori suggeriscono che ciò può essere dovuto al ruolo vitale della vitamina E nel normale sviluppo delle parti del corpo del feto. Una grave carenza può provocare l’esaurimento degli acidi grassi di cui l’organismo ha bisogno e può comportare il ricorso alle riserve di glucosio. Questo, a sua volta, causa una disponibilità di energia insufficiente per il normale sviluppo. Il risultato? Un aumento del rischio di aborto spontaneo.